Vai al contenuto

Rilevato Ad-Blocker. Per favore disabilita il tuo adblocker quando navighi su makerando.com - Non c'è nessun annuncio invasivo.

  • Chatbox

    You don't have permission to chat.
    Load More

Recommended Posts

Buongiorno compagni makeratori, mi stavo chiedendo: da dove prendete l'ispirazione per la trama dei vostri giochi? Vi ispirate a qualche opera (libri, film, altri videogiochi) in particolare? 

 

P. S. Non so se la sezione è giusta, dopotutto si parla comunque di giochi creati con Rpg Maker (ma anche non) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Parlu10 dice:

Buongiorno compagni makeratori, mi stavo chiedendo: da dove prendete l'ispirazione per la trama dei vostri giochi? Vi ispirate a qualche opera (libri, film, altri videogiochi) in particolare? 

 

P. S. Non so se la sezione è giusta, dopotutto si parla comunque di giochi creati con Rpg Maker (ma anche non) 

 

Posso solo dirti che mi munivo di taccuino e segnavo sopra qualunque cosa mi venisse in mente. Questo accadeva: mentre aspettavo la metropolitana; mentre attendevo il bus; mentre seguivo le lezioni all'università; mentre stavo al telefono con la tipa; sulla tavolozza. 

Ti consiglio di non dedicare "tempo specifico" per la scrittura. Le idee migliori vengono quando non ci pensi. xD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Stra quoto quanto ha detto il buon Ryoku(specialmente quella sulla tavolozza! 🚽 ).

Sai quante volte in passato son stato col notepad aperto e passavano le tipiche pagliette da film western?

Mentre quando non puoi fisicamente mettertici su invece BOOM ecco che ti arrivano le idee.

Mi capita spesso che sto annodando delle bobine durante il turno e... "Oh e se quel personaggio prendesse il posto dell'altro e si recasse li, sarebbe tutto molto più interessante?", alla prima pausa pipi prendo il telefono e segno XD

Modificato da kaine (Visualizza storico modifiche)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La tazza del water è sicuramente una grandissima fonte di ispirazione: ti mette di fronte a te stesso e ti costringe a riflettere ( xDDDD ).

 

Scherzi a parte, per me l'ispirazione può venire da qualsiasi cosa... un libro, un film, un altro videogioco, un'avvenimento a cui assisto mentre sono in giro...

 

Tanto per dirne una, mi ero fatto delle note per creare un rpg partendo dalle "sessioni" che facevo con alcuni amici quando giocavo a world of warcraft... Avevamo questo server privato in cui vigeva la regola del Full-GDR; in pratica si giocava sempre interpretando il proprio personaggio, con tanto di background e tutto, come se fosse una mega campagna di D&D online... e quindi avevo raccolto tutte le nostre vicissitudini e avventure virtuali in un quadernino, nel caso volessi farci un gioco su rpg maker (mai fatto, ma non si sa mai, le note sono sempre lì).

 

Se ad esempio giochi a D&D (o altri rpg da tavolo), io non escluderei l'idea di trasformare in videogioco la tua campagna!

 

per cui... sì, alla fine rbadisco il consiglio gia dato da Ryoku e Kaine: porta sempre un blocchetto (uno di quelli tascabili, occupa poco spazio) e una penna con te e segnati qualsiasi spunto ti viene, per non dimenticarlo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tutte ottime risposte, ma vorrei proporti un altrernativa a pensieri casuali o spunti da altre opere scritti su carta.

Immagina la tua ambientazione preferita e prendi in considerazione un evento un luogo o un oggetto che ti desta particolare interesse o anche un personaggio mitologico o realmente esistito.

E adesso procedi come in questo esempio:

 

Ambientazione Antica Grecia versione Fantasy

Oggetto di mio interesse (relativo a quell'epoca in questo caso) Macchina di Antichitera

 

La Macchina di Antichitera era il primo calcolatore inventato dall'uomo che calcola la posizione dei pianeti, le fasi lunari, i giorni della settimana ed altro ancora.

Per la mia storia la Macchina di Antichitera in realtà calcola l'apertura di portali verso altre dimensioni in base alla posizione dei pianeti, le fasi lunari, i giorni della settimana e tutto il resto.

Un gruppo di guardiani scelti deve bloccare la fuoriuscita di creature da questi portali per la salvaguardia dell'umanità.

 

E questa è la base, poi aggiungi tutto il contorno guardando ad esempio le armi che esistevano a quel tempo, le medicine dell'epoca, il modo di parlare, lo stile degli edifici e i personaggi realmente esistiti o mitologici che vuoi far incontrare ai tuoi personaggi.

Poi aggiungi tutto ciò che ti viene in mente mentre scrivi la storia iniziale, mentre fai ricerche sull' Antica Grecia o mentre produci le risorse.

 

Ad esempio:

Ho scelto un ambientazione realistica, Antica Grecia, dove ovviamente non c'era la magia ma io ce la voglio mettere ugualmente quindi la magia dovrà uscire dalla parte fantastica che ho aggiunto ovvero i portali.

Il gruppo che studia i portali e le creature che ne fuoriescono ha anche scoperto dei residui persistenti di calore nei minerali nei pressi dei portali già chiusi. Dopo anni di sperimentazioni costruiscono dei piccoli manufatti che convogliano l'energia (radiazioni) che fuoriescono dai portali quando sono aperti. Quindi il BS avrà delle variazioni quando ci sono degli scontri nei pressi dei portali e la magia degli artefatti non consuma energia o punti magia dei possessori ma avrà un tempo di cooldown fra un uso ed un altro perchè devono accumulare radiazioni.

 

Il resto si scrive quasi da solo.

 

In questo esempio ho scelto qualcosa dalla Storia, che solitamente ha basi reali, rende tutto più facile.

Allo stesso modo puoi scegliere un elemento dal generico universo Fantasy.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a tutti per le belle risposte! In effetti anche io concordo che le idee migliori vengono quando si sta facendo altro: quante volte mi è capitato di stare davanti al PC senza che mi venisse in mente nulla per poi andare su Steam a vedere le novità! 

 

Il consiglio di @Raven è quello che mi è sembrato più convincente: hai preso un oggetto utilizzato nell'Antica Grecia e hai progettato una storia intorno a questo! Anche con parti di gameplay!

 

P. S. Comunque, in realtà credo di essermi espresso male riguardo l'argomento di questa discussione, che doveva essere: da quali opere siete stati ispirati? Però ho notato con piacere che le risposte sono state esaustive e interessanti, per cui non ho voluto dirvelo subito. Ho imparato a portare un taccuino sempre con me! 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A me piace lasciar libera la mente, raramente i ispiro a qualcosa di già esistente, se si poi solo in microscopica parte; prima penso al gameplay, poi in seguito una possibile trama che si possa adattare

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 7/3/2019 at 21:38, Parlu10 dice:

 

P. S. Comunque, in realtà credo di essermi espresso male riguardo l'argomento di questa discussione, che doveva essere: da quali opere siete stati ispirati? Però ho notato con piacere che le risposte sono state esaustive e interessanti, per cui non ho voluto dirvelo subito. Ho imparato a portare un taccuino sempre con me! 

 

 

 

 

 

In effetti sì, avevo capito che volevi sapere in modo generico da dove si può prendere ispirazione;

in quel caso, ti rimando a questo topic che avevo creato qualche tempo fa: 

 

 

Lì ne avevo parlato più nello specifico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da NN81
      a volte penso sia una delle cose più difficili nella fase progettuale di un gioco, avere una storia da raccontare o meglio ancora da far "vivere" a chi gioca, in modo tale da emozionarlo come se stesse impersonando egli stesso quel personaggio nelle sue varie disavventure e peripezie.
       
      forse la cosa più difficle di questi tempi è trovare qualcosa di "originale", da una trentina quarantina d'anni ormai, tra fumetti, cartoni animati, cinema e letteratura è stato raccontato praticamente di tutto, e in tutte le varianti/sfumature possibili (così si può dire...), quindi proporre qualcosa di nuovo non è facile, anche se di tanto in quando qualche "lampo di genio" riesce ancora a fare breccia in un mercato ormai saturato da così tanto materiale....
       
      quando penso a una storia da adottare mi guardo intorno e cerco di prendere spunto da quelle vecchio stampo, che nella loro semplicità, adattate a dovere son capaci di fare da colonna portante a vere e proprie "opere d'arte"...
       
      oggi volevo condividere la trama del famoso "Conan, il ragazzo del futuro", la copioincollo direttamente da Wikipedia, e niente, è incredibile quanto in così poche righe si riesca a porre lo scenario di tutto rispetto, introduzione, colpi di scena, lieto fine...
      quando penso a questo non posso che ammirare la completezza della cosa nella sua disarmante semplicità.. a voi dunque, una trama da 10& lode...
       
      « Nel mese di luglio dell'anno 2008, la razza umana sfiorò la completa estinzione. In pochi istanti, le armi elettromagnetiche cancellarono più di metà degli esseri umani dalla faccia del pianeta. Il cataclisma causò uno spostamento traumatico dell'asse terrestre, e i continenti finirono quasi interamente sommersi dalle acque. » "La storia inizia nel 2028 vent'anni dopo una guerra globale catastrofica.
      All'inizio del XXI secolo l'umanità aveva fatto sorprendenti progressi nella scienza e nella tecnologia scoprendo, tra le altre cose, una forma di antigravità, lo sfruttamento efficiente dell'energia solare trasmessa tramite microonde e un modo estremamente distruttivo di utilizzare l'energia elettromagnetica. Grazie a queste conquiste tecnologiche vennero esplorati altri pianeti, fu costruita una grande stazione orbitante per la raccolta dell'energia solare, furono varate vaste flotte di enormi aerei da guerra e fu costruita Indastria, un complesso scientifico e industriale che rappresentava la somma del progresso e della tecnica dell'epoca.
      Nel luglio del 2008, durante la Terza Guerra Mondiale, le esplosioni di bombe elettromagnetiche molto più potenti di qualsiasi arma atomica conosciuta distrussero in poche ore oltre la metà della superficie della Terra. La stessa crosta terrestre ne risentì e l'asse di rotazione del pianeta fu spostato. La conseguenza di questi sconvolgimenti fu la frattura dei continenti che in gran parte si inabissarono sotto gli oceani. Solo pochi sopravvissuti riuscirono per caso a salvarsi dalle ondate di marea, rimanendo isolati nei pochi territori emersi. Tutti dovettero abbandonare le abitudini urbane del passato e ricominciare da zero a sopravvivere di quello che la natura poteva offrire; i più organizzati fondarono, dopo un duro inizio, villaggi agricoli. I gruppi umani che non riuscirono a organizzarsi regredirono invece a una vita primitiva e miserevole.
      All'epoca della storia, l'unica città-stato ancora basata sulla tecnologia è la dispotica Indastria, in cui le persone sono divise in caste e la maggior parte della popolazione è sfruttata dai potenti. Indastria è in netto declino, nei 20 anni trascorsi dalla guerra la sua popolazione è passata da 50'000 abitanti ad appena 1'000 e il reattore nucleare che alimenta gli impianti tecnologici si sta esaurendo. In assenza di altre fonti di energia alla città rimane poco tempo da vivere, e la ricerca della chiave di accesso all'energia solare ha monopolizzato i pensieri della sua leadership.
      Conan è un ragazzo nato dopo la catastrofe, unico bambino nato da due componenti del gruppo di astronauti che cercarono inutilmente scampo fuori dall'orbita terrestre e precipitarono dopo il cataclisma su di un'isola deserta, unico affioramento di quello che un tempo era un continente, e che venne ribattezzata "Isola Perduta".
      Ormai cresciuto, Conan vive sull'isola con il nonno, l'ultimo degli astronauti sopravvissuti, che pensa che sulla Terra non siano rimasti altri abitanti oltre a se stesso ed il ragazzo. La vita di Conan è semplice e in intimo contatto con la natura; egli, dotato di una forza e un'agilità fuori dal comune, è un abile pescatore, in grado di resistere in immersione molto più a lungo delle altre persone.
      Un giorno Conan trova sulla spiaggia Lana, una ragazza della sua età che, inseguita da un aereo di Indastria, è naufragata sull'isola ed è svenuta. Soccorsa e curata da Conan e dal nonno, la ragazza rivela che molte altre persone sono sopravvissute alla catastrofe nella sua isola di High Harbor, dove la gente vive in pace e armonia, anche se minacciata dalla lontana e aggressiva società di Indastria governata dal dittatore Lepka.
      L'arrivo sull'isola del Falco dell'aereo di Indastria pilotato da Monsley sconvolgerà la vita di Conan, che in poche ore assiste al rapimento di Lana e alla morte del nonno, ucciso in un incidente mentre cerca di scacciare dall'isola gli arroganti invasori. Lana è ricercata da Indastria in quanto nipote del dottor Rao, uno degli scienziati delle cui scoperte ci si servì per produrre le bombe elettromagnetiche che avevano distrutto il mondo. Indastria vuole servirsi delle conoscenze del dottor Rao -in particolare il segreto dell'energia solare- per soggiogare il mondo intero.
      Conan promette al nonno di andare a cercare Lana, e di mettersi in contatto con le altre persone che vivono ancora nel mondo. Costruita con mezzi di fortuna la sua imbarcazione, Conan abbandona la sua Isola Perduta e comincia così il lungo viaggio che lo porterà dopo mille peripezie e pericoli a ricongiungersi con Lana ed alla liberazione di tutti gli uomini oppressi dalla tirannia di Indastria. In questo viene aiutato da alcune altre persone che hanno deciso di ribellarsi alla tirannia di Indastria, come Gimsey (un ragazzino dall'aspetto primitivo incontrato da Conan in un'isola popolata da povera gente priva di un'organizzazione sociale), il capitano Dyce comandante della nave Barracuda, e infine la stessa Monsley, che prende coscienza del pericolo rappresentato da Lepka.
      Sebbene Indastria sia stata liberata, Lepka riesce comunque ad attingere all'enorme potere dell'energia solare, di cui si serve per far decollare un gigantesco aereo da guerra tramite cui fugge coi suoi seguaci da Indastria, con lo scopo di dominare la Terra. Tuttavia, dopo un epico sabotaggio del Gigante realizzato da Conan, Gimsey e dal capitano Dyce, il malvagio tiranno-dittatore Lepka rimane aggrappato al bordo della navetta di salvataggio; nonostante la malvagità del pericoloso tiranno Conan gli tende comunque la mano per cercare di salvarlo, ma numerosi suoi scagnozzi si aggrappano ai piedi di Lepka facendogli perdere la presa dalla mano di Conan e precipitare insieme a loro sul bombardiere in fiamme, il quale precipita subito dopo in mare, provocando una collossale esplosione. Alla fine la stessa Indastria sprofonda sotto le acque in seguito ad un disastroso maremoto, dopo che la gente ormai libera dal giogo della schiavitù si è imbarcata con destinazione High Harbor; il dottor Rao muore durante il viaggio di ritorno ad High Harbor, augurando a tutti i sopravvissuti di iniziare una nuova era; il capitano Dyce e Monsley si sposano e, assieme a Conan, Lana, Gimsey e alcuni abitanti di High Harbor e di Indastria, vanno a colonizzare l'"Isola Perduta", facendo tornare la speranza di una nuova era di pace sulla Terra."
×